• shutterstock 59306614
  • shutterstock 116746462
  • shutterstock 118932805
  • shutterstock 36034633

LO SPAZIO INTERNO E LO SPAZIO DELLA CITTA’_LE POLITICHE DELLA REALTA’

Written by laura. Posted in Archivio seminari, homepage

anfiteatro

Sabato 26 Ottobre 2019 – ore 9,30/13,00

Libreria Franco Angeli Bookshop
Piazzetta ribassata davanti al Teatro degli Arcimboldi
(MM5 – Bicocca; Bus 87; tram 7 – fermata Arcimboldi)
Ingresso libero

LO SPAZIO INTERNO E LO SPAZIO DELLA CITTA’                               le politiche della realtà

Giuseppe Perfetto

Giuseppe Viviano

Conduce il dibattito Marina Ricci

Gli autori analizzeranno il tema degli “spazi esterni e spazi interni” facendo dialogare i saperi psicoanalitici e antropologici. Il primo si focalizzerà in particolare sullo “spazio interno” articolandolo con il fenomeno contemporaneo della “diffusione dell’identità”, legato all’utilizzo dei social-network, nell’era dell’ipertrofia dell’Immaginario. Il velo del pudore, volto a proteggere il soggetto dalla sfera pubblica, è portato a cadere, esteriorizzando l’interiorità, presentando l’Io come carne esposta. Il secondo descriverà i modi con cui vengono costituiti i discorsi e, quindi, le condizioni che creano il soggetto tossicomane. Verranno analizzati i processi con i quali si accreditano le droghe, mostrando il legame che sussiste tra l’intimo e il politico.

scarica la locandina Ottobre 19

Tra radicalità e delusione: Andrea Camilleri

Written by laura. Posted in Articoli, homepage

di Adriano Voltolin

L’eredità che ci lascia Andrea Camilleri, quella che almeno pare la principale, è il grido assordante che ci viene da tempi lontani e che i grandi intellettuali siciliani paiono trasmettersi affinché qualcuno forse un giorno lo ascolti: da Verga a Sciascia a Pirandello, da Bufalino a Tomasi di Lampedusa e a Camilleri lo strazio dei vinti fa da contrappunto a quella ingiustizia come pratica delle classi dirigenti come l’ha chiamata Emanuele Macaluso commemorando l’amico e il compagno scomparso sulle pagine del Manifesto del 18 luglio 2019. La voce che viene dalla Sicilia attraverso i suoi intellettuali ci parla di una terra sconciata dalla soperchieria e dalla speculazione e di una classe dirigente che è, come aveva scritto Luigi Russo commentando il celebre passo manzoniano del “sopire e troncare, troncare e sopire”, caratterizzata da una impotenza di politico, che gira le difficoltà, le dissimula, le maschera invece di affrontarle. E’ la piccola politica farisaica che lascia le cose al punto di prima, corrompendole e lasciandole imputridire.

SADICI DAL CUORE PURO*:REAZIONI ALLE MORTI DEI MIGRANTI NEL MAR MEDITERRANEO UNA LETTURA PSICOANALITICA

Written by laura. Posted in Articoli, homepage

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN TEORIA CRITICA DELLA SOCIETÀ
UNIVERSITÀ DI MILANO-BICOCCA

di Fiorella Fioretto

Maggio 2019

UN BERSAGLIO UTILE
Il clima politico italiano attuale è teatro perfetto per l’osservazione di fenomeni di creazione di nemici allo scopo di mantenere e rafforzare un pregiudizio sottoculturale e di preferenza politica. La logica in base alla quale “s’aimer, c’est haïr le même ennemi : j’épouserai donc votre haine”[1] viene adoperata quotidianamente; in questo breve saggio prenderemo in considerazione alcuni social networks (in particolare le pagine ufficiali Facebook e Twitter del Vicepresidente del Consiglio e Ministro degli Interni Matteo Salvini) come luoghi virtuali di aggregazione di un determinato gruppo di persone, quello che sostiene il Capitano quasi sempre e, quasi sempre, in maniera fondamentalmente acritica.

sito realizzato da